PROGETTO DI FORMAZIONE E RICERCA

Governing Inheritance Statutes after the Entry into Force of EU Succession Regulation

Italia, Spagna, Ungheria, Portogallo, 01 Ottobre 2017 - 30 Settembre 2019

Presentazione

Governing Inheritance Statutes after the Entry into Force of EU Succession Regulation — GoInEU è un progetto co-finanziato dalla Commissione Europea – Programma Giustizia.

L’obiettivo generale dell’azione è: contribuire alla corretta e coerente applicazione del Regolamento sulle Successioni attraverso attività analitiche e di rafforzamento delle capacità indirizzate agli operatori legali.

Gli obiettivi specifici dell’azione sono: 1. Analizzare l’impatto del Regolamento sulle successioni nel primo anno di implementazione in riferimento a: (i) famiglie di migranti; (ii) modelli di famiglia con gradi diversi di riconoscimento nei Paesi Membri; (iii) relazioni con i nuovi regolamenti sulla famiglia; (iv) successioni interessate da schemi contrattuali alieni; (v) status filiations costituito all’estero; (vi) eredità di beni digitali; 2. capacitare gli operatori legali ad applicare correttamente il regolamento nella loro pratica quotidiana e in situazioni transfrontaliere. 

Le attività previste sono: (i) pubblicazione di ricerca, papers e un volume prodotto con un riesame di pari livello; (ii) sviluppo di contenuti per sessioni in presenza e un corso di e-learning ospitato su una piattaforma MOOC; (iii) valutazione esterna della realizzazione delle attività del Progetto e dell’impatto preliminare. 

Partner nell’azione sono: l’Università di Firenze - Coordinatore, la Fondazione Italiana del Notariato, l’Associazione Italiana degli Avvocati di Famiglia, le Università di Budapest, Valencia, Lyon e Coimbra.

Beneficiari dell’azione sono: principalmente notai (40%), avvocati (30%), giudici (10%), pubblici ufficiali coinvolti nelle successioni (10%), e anche accademici (10%). Circa 120 persone partecipano a ciascuna sessione di formazione, molti altri saranno coinvolti nella ricerca e nell’analisi (anche a distanza).

I risultati attesi sono: (i) applicazione uniforme del diritto europeo che viene a sua volta rafforzato attraverso l’azione (ii) i cittadini UE e i migranti sono maggiormente informati sullo stato attuale di implementazione del diritto europeo e si fidano del fatto che le loro successioni vengano riconosciute nei Paesi Membri; (iii) la discriminazione verso diverse strutture di famiglia viene affrontata e soluzioni sono proposte; (iv) un contributo è offerto allo studio dell’impatto della migrazione e delle emergenti tecnologie sul diritto successorio.

Prodotti dell’azione sono: (i) un questionario sul diritto europeo delle successioni che verrà distribuito agli operatori legali; (ii) vari contenuti per la formazione in presenza, 1 corso e-learning; (iii) alcuni papers ed un volume che verranno pubblicati; (iv) casi pratici che saranno individuati e raccolti; (v) 3 sessioni di formazione e 1 conferenza finale; (vi) sito web del progetto;  (vii) rapporti di valutazione esterna (uno di medio termine ed uno finale).